Progetto 5 è un’improvvisazione collettiva in 5 atti di 55 minuti e 55 secondi ciascuno, che racconta il percorso inevitato delle 5 etnie sulla terra, i bianchi, i gialli, i rossi, i neri e i nordici. Il loro cammino è l’inevitabile diventare consumisti a loro insaputa, distruggendo la varietà culturale che li arricchisce, e portando allo smarrimento tutti quelli che credono di trovare il benessere nel modello occidentale/europeo. Esiste un elemento estemporaneo nelle improvvisazioni registrate, il cembalo al collo di John Reginald, un cane incredibile rimasto in studio durante tutte le registrazioni.

I 5 atti sono improvvisati e registrati dal vivo da Jean Charles Carbone e Manuele De Pretto della concept band 100 Giorni Da Pecora.
Hanno partecipato il batterista Davide De Vito per i "NERI", 5 bambini per i "BIANCHI" e il dobermann John Reginald in tutte le improvvisazioni come elemento estemporaneo.
Sono stati utilizzati molti strumenti, in particolare un basso e una chitarra mandati in larsen davanti a 5 amplificatori, un pianoforte a coda, un rhodes, un vibrafono, due set di batteria, percussioni da diverse culture ed epoche, una catena, una campanella, un echo a nastro, un riverbero a molla, un'ascia, un martello, un trapano, una sirena, una vuvuzela e altri oggetti e stumenti autocostruiti.

Progetto 5 - 100 Giorni da Pecora

progetto 5

Anno: 2011
Recorded at: Abnegat Records - Italy
Producer: Jean Charles Carbone
Arranged by: Jean Charles Carbone, Manuele De Pretto
Executive Producer: Jean Charles Carbone

Sveglia

Neri

Il tempo, la quantità, la fuga, la libertà, la difesa, l'opressione, l'ingiusta vendetta.

Mascherina

Gialli

La massa, la rigidità, il sacrificio, l'abbondanza, il trattenuto, la sfruttata umiltà.

Pallone

Europei

La paura, il passato, il controllo, la compassione, la possibilità, l'eccesso, il capro espiatorio.

guanto

Nordici

La forza, la durezza, l'apertura, l'abbandono, i limiti, le nuove prospettive.

Campana

Rossi

Il contatto, il rispetto, il legame, l'ingenuità, la perdita, l'abusata tolleranza.